Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

RECENSIONE: CAMBIARE L’ACQUA AI FIORI

ATTENZIONE! LA RECENSIONE CONTIENE SPOILERS!

Buongiorno cari Readers ⭐

In questi giorni ho terminato la lettura di “Cambiare l’acqua ai fiori” dell’autrice Valerie Perrin. Un romanzo che abbiamo praticamente visto ovunque, in particolare su Instagram. Vincitore nel 2018 del Prix Maison de la Presse, presieduto da Michel Bussi,  scrittore francese autore del romanzo “La caduta del sole di ferro”.

Cambiare l'acqua ai fiori - Valérie Perrin - copertina

In commercio dal: 10 luglio 2019
✾✾✾✾✾✾

Violette è la guardiana del cimitero di Brancion-en-Chalon da più di 20 anni. È la sua vita. Incontra vivi e cura i morti. Pulisce regolarmente le tombe, sistema i fiori, dona il rispetto a chi non c’è più .

Sin dalla nascita la vita di Violette non è stata facile ma lei non si piange mai addosso. La madre appena l’ha partorita l’abbandona in ospedale. È morta appena nata ed è tornata alla vita subito dopo.
Passa da una famiglia affidataria all’altra ed è disperatamente alla ricerca di questo amore.

“Sono disadattata. Spezzata. Con me non è possibile l’amore”. 

Sino a quando incontra, ancora minorenne, il suo futuro marito Philippe Toussaint, e quello che crede possa essere l’uomo della sua vita. Ma la passione iniziale lascia spazio al vuoto. Philippe non è il santo che Violette credeva ma la disperata ricerca di una famiglia per lei è troppo forte per lasciarlo andare. Philippe è un “essere spregevole”, un uomo egoista, cattivo e vendicativo, quasi malato.

“Io volevo che non bastasse a me… Per Philippe ero la donna ideale, quella che non disturba”.

La piccola Leonine è invece la vita di Violette, tutte le attenzioni sono rivolte a lei, desidera che  abbia tutto quello che lei non ha potuto avere.

“Mi serviva tempo. Non tempo per stare meglio, non sarei mai stata meglio, ma tempo per riuscire di nuovo a muovermi ed agire”. 

La vita, la disattenzione e la cattiveria, gli porta via l’unica sua ragione d’amore. Fino a quando non appare a casa sua Julien, un commissario venuto al suo cimitero per rispettare la volontà della madre deceduta: essere sepolta sulla tomba che per lui è uno sconosciuto.  Julien e Violette incominceranno questo cammino insieme per ricominciare ad amare ed amarsi.

La lettura è stata piacevole, la scrittura di Valerie è semplice ed asciutta, a volte forse troppo. Fino a metà libro la lettura è stato un viaggio tra sentimenti di vita, amore e tristezza. Mi è sembrato quasi poetico. Da metà sino a quasi al termine invece, nonostante risulti ancora scorrevole,  l’uso di parole volgari mi hanno disturbato.  Non ritengo fossero necessarie ai fini del racconto, anche da uomini e donne che nel racconto usano un linguaggio gentile e delicato, a un certo punto, sparano parole volgari e questo non mi è piaciuto.

La vicenda tragica della bambina mi ha lasciato senza parole anche se inconsciamente me l’aspettavo.

Il finale devo dire che, forse per la stanchezza dopo quasi 460 pagine, non mi ha entusiasmato, ne sono rimasta quasi indifferente. Ho chiuso il libro e non mi è rimasto molto da pensare, l’ho chiuso e fine.  Mi è mancato quel pathos che inizialmente mi aveva coinvolto molto.

Non lo considero un brutto libro, assolutamente, ma speravo in qualcosina di più. La maggior parte delle persone che l’hanno letto mi hanno detto che avrei pianto: non ho versato una lacrima purtroppo.

Penso però di poterlo consigliare, perché è un libro nella sua totalità piacevole ed affascinante. Un bel viaggio nei sentimenti di chi ha perso qualcosa di importante e cerca di continuare a sopravvivere e non annegare.

“Come un fiore spezzato dalla bufera, la morte l’ha rapita nella sua primavera” 

Sono molto curiosa di sapere quali sono state le vostre impressioni leggendo questo romanzo!

The Heart Is a Book ❤📚

Pubblicità

Pubblicato da With The Heart In The Books

Leggere è una porta su nuovi mondi, aiuta ad aprire la mente e trasportarci in luoghi misteriosi, suggestivi e che non esistono. La lettura porta emozioni di gioia, felicità, tristezza, amarezza , riso e pianto. Questo è ciò che rende speciale la mia lettura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Vitamina L

Non sono solo libri

Libri una Magia

leggere per vivere

pensierispontanei.wordpress.com/

Vivo la vita per poterla scrivere. Un blog di Martina Vaggi

SENTIERI DI CARTESENSIBILI

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.- Ennio Flaiano

Ilariabookspassion

"Non posso vivere senza libri"

Dove una poesia può arrivare

♡~Entrai nella libreria e aspirai quel profumo di carta e magia che inspiegabilmente a nessuno era ancora venuto in mente di imbottigliare.~♡ Carlos Ruiz Zafón

Yankee Candle Recensioni

Recensioni e pensieri sulle Yankee Candle... e non solo!

Giardini di rose

"E come un sussurro tra le messi, ha inizio il giorno estivo"

Il Pedalò di Cera

"Forse lo schermo era veramente uno schermo. Schermava noi... dal mondo."

MY HEART'S LIBRARY

Rilassati e goditi qualche minuto di lettura con me!

V.&V.travel

Live life with no excuses, travel with no regret.

H!stoire

Storia e Memoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: