Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Recensione: Avevano spento anche la luna

Bentornati Readers e buona settimana✨ siamo al termine di novembre quasi e di questo mese per quanto riguarda le letture sono molto soddisfatta! Le vostre come sono andate? 
Vi porto la recensione oggi di un romanzo ispirato a fatti realmente accaduti, vi lascio la scheda e poi vi dico cosa ne penso. 

◊◊◊◊◊

 9788811670360_92_270_0_75Titolo: Avevano spento anche la luna

Autore: Ruta Sepetys

Casa Editrice: GARZANTI

Pagine: 299 pagine

Data Pubblicazione: 6 settembre 2012

Copertina Rigida: 18,00€

Copertina Flessibile: Su IBS e Amazon: 11,05€

1941, Lituania.  La giovane Lina vive una vita spensierata, come molte altre ragazze della sua età. Insieme a sua cugina, nonché migliore amica, fa i piani per il suo futuro. Lina possiede una grandissima dote artistica: il disegno è il suo modo per esprimere non solo ciò che vede ma anche ciò che sente. Tutto cambia improvvisamente però quando viene portata via insieme alla madre e al fratello di dieci anni, Jonas, caricati su un camion diretti chissà dove. Paura e disorientamento li accompagnerà fino a quando, dopo aver viaggiato per 2 settimane in un cassone del treno insieme a centinaia di persone, pigiati uno contro l’altro, arrivano in un campo di lavoro siberiano. Ma Lina non si farà prendere dalla paura, ma coraggiosamente continua a disegnare ciò che vede per farlo sapere sia al padre sia al mondo. 
Ma perché sono stati deportati? Perché il padre non è li con loro ma in un altro campo? Riusciranno a ritrovarsi e a sopravvivere all’inferno che li ha colpiti?

♦♦♦♦♦

La storia di Lina e della sua famiglia deportata in Siberia (il motivo si scoprirà durante la lettura), lontano dalla sua vita e della sua sicurezza è una storia forte, coinvolgente e di grande impatto emotivo.
Caricati su vagoni, schiacciati e costretti a lunghi viaggi. Le condizioni di vita nel campo sono precarie alla pari degli stessi campi di concentramento nazista: pochissimo cibo, paura, privazioni, freddo, duro lavoro e scomodità. Quando giungeranno in altro campo dopo un lunghissimo viaggio durissimo dovranno costruirsi  da soli un riparo precario, con materiali scartati dal NKDV (la polizia staliniana), chiamata Yurta. 

Yurta, un riparo per non morire, lituani al Mar di Laptev |  LithuanianStories IT

Esempio di Yurta, un riparo per non morire

Questo popolo lotta per la difesa della propria vita, lotta per non diventare come i suoi aguzzini, lotta per tornare a casa. Un popolo che non cede e che continua, nonostante tutto, a tenersi unito. 
Mi sono immersa, persa, rimasta senza fiato e col cuore spezzato attraverso le sue pagine. La scrittrice, nonostante non tratti una biografia ma si ispiri alla storia della sua famiglia di rifugiati lituani, ci fa conoscere una storia nascosta a molti (e che anche io non conoscevo): le deportazioni sovietiche della Lituania.
14 giugno 1941: la prima grande deportazione dei popoli baltici in Siberia  – Baltica
La Lituania commemora ogni anno la Giornata del lutto e della speranza il 14 giugno in memoria dei deportati.
Ruta Sepetys è stata davvero brava nel non cadere nel banale o nell’eccessivo sentimentalismo, ha dosato bene le sue parole ed ha scritto un romanzo davvero degno di essere letto. 
Quando ci imbattiamo in questo genere di libri parliamo di sopravvivenza, o di sopravvissuti, ma tendiamo a banalizzare questa semplice parola. Sopravvivere significa: vivere dopo la morte di famigliari, amici o parenti; restare in vita dopo eventi traumatici. Fare questo dopo aver perso tutto quello che si ha è qualcosa di Immane che andrebbe celebrato sempre, non solo in determinate occasioni e dargli la giusta importanza
La cosa che mi ha sorpreso è il prezzo pagato mesi fa per questo libro: solo 5€. E’ la seconda volta che mi imbatto in un romanzo di questo spessore ad un prezzo così basso (la prima volta fu per Figlie del mare –>qui la recensione). Molto spesso sottovalutiamo il potenziale di un romanzo solo perché il suo prezzo è irrisorio ma questi romanzi dimostrano assolutamente il contrario! 
Eravate a conoscenza di questo triste episodio? Avete letto il libro? 
The Heart Is A Book 
 

 

Pubblicità

Pubblicato da With The Heart In The Books

Leggere è una porta su nuovi mondi, aiuta ad aprire la mente e trasportarci in luoghi misteriosi, suggestivi e che non esistono. La lettura porta emozioni di gioia, felicità, tristezza, amarezza , riso e pianto. Questo è ciò che rende speciale la mia lettura.

Una opinione su "Recensione: Avevano spento anche la luna"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Vitamina L

Non sono solo libri

Libri una Magia

leggere per vivere

pensierispontanei.wordpress.com/

Vivo la vita per poterla scrivere. Un blog di Martina Vaggi

SENTIERI DI CARTESENSIBILI

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.- Ennio Flaiano

Ilariabookspassion

"Non posso vivere senza libri"

Dove una poesia può arrivare

♡~Entrai nella libreria e aspirai quel profumo di carta e magia che inspiegabilmente a nessuno era ancora venuto in mente di imbottigliare.~♡ Carlos Ruiz Zafón

Yankee Candle Recensioni

Recensioni e pensieri sulle Yankee Candle... e non solo!

Giardini di rose

"E come un sussurro tra le messi, ha inizio il giorno estivo"

Il Pedalò di Cera

"Forse lo schermo era veramente uno schermo. Schermava noi... dal mondo."

MY HEART'S LIBRARY

Rilassati e goditi qualche minuto di lettura con me!

V.&V.travel

Live life with no excuses, travel with no regret.

H!stoire

Storia e Memoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: