Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

RECENSIONE: La Signora dello Zoo di Varsavia – Diane Ackerman

Buongiorno Lettori!

Come procedono le vostre letture del 2020? Io devo ammettere che non sta andando per niente male, anzi meglio di quello che immaginavo!

E veniamo proprio a una di queste letture: La Signora dello Zoo di Varsavia, libro di cui esiste anche il film.

Sinossi. Varsavia, 1939. Antonina ?abi?ska e suo marito, il dottor Jan ?abi?ski, gestiscono lo storico zoo della città con cura e dedizione. Quando la Polonia viene invasa dai nazisti, però, oltre ai bombardamenti e all’occupazione la coppia è costretta a sottostare anche al nuovo capo zoologo nominato dal Reich, Lutz Heck, che prevede un programma di allevamento selettivo per la struttura. Reagendo allo sgomento, i due coniugi si impegnano prima a salvare gli animali superstiti e poi, quando la violenza nazista si accanisce contro gli ebrei, non esitano a trasformare lo zoo e i suoi sotterranei in un rifugio per i perseguitati. All’odio per chi è diverso e alla follia di voler imporre alla natura un disegno mitomane, Antonina e Jan oppongono l’amore e il rispetto per la vita e per gli esseri umani, a costo di mettere in pericolo la propria famiglia. Grazie a loro, più di trecento ebrei e militanti della Resistenza polacca riusciranno a sfuggire alla furia nazista e a mettersi in salvo. Basandosi sul diario di Antonina e su molte altre fonti storiche, l’autrice ha recuperato dall’oblio una storia vera di coraggio e compassione, che getta una luce di speranza su uno dei periodi più bui per l’umanità.

ღ꧁ღ╭⊱ꕥꕥ⊱╮ღ꧂ღꕥ⊱╮ღ꧂ღღ꧁ღ╭⊱ꕥ

Questo libro si è rivelato non il consueto libro basato sull’Olocausto, quindi non è una biografia, in quanto scritto da una scrittrice estranea ai fatti, né tanto meno un racconto delle atrocità dei campi di concentramento.

Il libro prende spunto in particolare dal diario lasciato da Antonina, infatti l’autrice stessa dice nelle sue note:

“Per raccontare la loro storia mi sono rifatta a molte fonti ma soprattutto ai ricordi di Antonina Zabinski, che ben esprimono il sensuale incanto di quel luogo, ai suoi libri autobiografici per bambini…e ai ricordi di suo marito Jan e alle interviste che la coppia ha rilasciato a giornali polacchi, ebrei e yiddish.”

Antonina e Jan,sono i proprietari dello Zoo nel centro di Varsavia, dove vengono custoditi e accuditi vari animali, tra cui alcune specie rare come i cavalli di Przewalski.

Due esemplari di cavalli Przewalski

Quando la guerra giunge sino a Varsavia, con l’arrivo dei soldati tedeschi in città e la successiva creazione del ghetto, le cose cambiano drasticamente anche per loro.

Lo zoo non solo subisce i vari bombardamenti e la conseguente perdita di alcuni esemplari, ma viene depredato da uno pseudo amico che in realtà non fa altro che arraffare tutti gli animali più preziosi come i cavalli, le linci e le zebre; inoltre molti degli animali rimasti vengono uccisi senza pietà per il solo gusto di uccidere.

Tutto questo inorridisce Antonina e convince sempre più Jan ad unirsi definitivamente con la Resistenza polacca.

“Jan e Antonina consideravano il razzismo nazista inspiegabile e diabolico, qualcosa di ripugnante… si ripromisero di aiutare un numero sempre maggiore di ebrei“.

E così che la coppia insieme al loro bambino Rys iniziano ad ospitare gli ebrei nello zoo, nascondendoli nella gabbie, nei capanni e nella loro villa, facendo passare quelli dalle somiglianze più vicini agli ariani come loro ospiti, gli altri rimanevano nascosti in un tunnel sotto casa e uscivano solo alla sera tardi.

In questo modo riuscirono ad aiutare più di 300 persone impedendo la loro deportazione o morte.

“La guerra non divideva soltanto, come osservava Antonina nelle sue memorie, poteva anche rafforzare le amicizie e far nascere storie d’amore, ogni stretta di mano apriva una porta…”

Ho trovato questo libro così diverso dal solito,come anticipavo, ma è stato di grande impatto emotivo ed anche di grande riflessione.

Ci sono stati momenti di rabbia e dispiacere, soprattutto quando gli animali venivano uccisi in maniera crudele solo per divertimento! Era straziante e inconcepibile!

Il racconto che mi ha commosso maggiormente è stato quello del medico ebreo che decide di abbandonare la sua professione e di non lasciare il ghetto per poter aiutare i bambini rimasti senza genitori, istituendo così un suo orfanotrofio.

Quando sia lui che i bambini vennero deportati nel 1942 sono rimasta senza parole leggendo di questi duecento bambini, condannati a morte, che non piangevano, non scappavano e non cercavano di nascondersi.

“Come rondini ferite, si aggrapparono al loro insegnante e mentore, al loro padre e fratello”. 

Onestamente non avevo neanche mai sentito parlare della rivolta del ghetto di Varsavia, dove gli ebrei rimasti all’interno cercarono di resistere al rastrellamento finale fin quanto loro possibile, mostrarono coraggio e tenacia.

Mi sento di consigliarlo? ASSOLUTAMENTE SI! Nonostante non ci siano dei dialoghi continui il racconto è talmente coinvolgente che non risulta pesante questa mancanza. La scrittrice sicuramente dimostra la sua bravura nel raccontare la vita di questa coppia coraggiosa che amavano la giustizia.

Inoltre è possibile vedere anche il film tratto dal racconto, La signora dello Zoo di Varsavia del 2017 diretto da Niki Caro con protagonista Jessica Chastain nei panni di Antonina.

Trailer

Voi cosa ne pensate? Fatemi sapere le vostre impressioni.

Note sull’Autore.

Diane Ackerman è autrice saggista, scrittrice e poetessa americana. Suoi articoli sono apparsi sul «New Yorker», sul «New York Times», sul «National Geographic» e su molte altre riviste. In Italia sono stati pubblicati Storia naturale dei sensi (1992), vincitore di numerosi premi; La notte delle balene e altre storie di pipistrelli, coccodrilli e pinguini (1995) e Amare. La genesi di un sentimento (1998), tutti editi da Frassinelli. Gli ebrei dello zoo di Varsavia (Sperling & Kupfer 2017; vincitore dell’Orion Book Award), diventato un film diretto da Niki Caro e interpretato da Jessica Chastain.

Ely Aurora – The Heart is a Book ⭐

Pubblicità

Pubblicato da With The Heart In The Books

Leggere è una porta su nuovi mondi, aiuta ad aprire la mente e trasportarci in luoghi misteriosi, suggestivi e che non esistono. La lettura porta emozioni di gioia, felicità, tristezza, amarezza , riso e pianto. Questo è ciò che rende speciale la mia lettura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Vitamina L

Non sono solo libri

Libri una Magia

leggere per vivere

pensierispontanei.wordpress.com/

Vivo la vita per poterla scrivere. Un blog di Martina Vaggi

SENTIERI DI CARTESENSIBILI

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.- Ennio Flaiano

Ilariabookspassion

"Non posso vivere senza libri"

Dove una poesia può arrivare

♡~Entrai nella libreria e aspirai quel profumo di carta e magia che inspiegabilmente a nessuno era ancora venuto in mente di imbottigliare.~♡ Carlos Ruiz Zafón

Yankee Candle Recensioni

Recensioni e pensieri sulle Yankee Candle... e non solo!

Giardini di rose

"E come un sussurro tra le messi, ha inizio il giorno estivo"

Il Pedalò di Cera

"Forse lo schermo era veramente uno schermo. Schermava noi... dal mondo."

MY HEART'S LIBRARY

Rilassati e goditi qualche minuto di lettura con me!

V.&V.travel

Live life with no excuses, travel with no regret.

H!stoire

Storia e Memoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: